Domenica 20 giugno le eccellenze del food e dei motori, due filiere nevralgiche del Made in Italy, si danno appuntamento a Castelfranco Emilia (MO) con l’evento “Villa Sorra, il Giardino delle Eccellenze” nella cornice della omonima, prestigiosa residenza storica. L’open day, interamente dedicato all’agroalimentare d’eccellenza e al mondo delle due e quattro ruote, è organizzato dall’amministrazione comunale di Castelfranco Emilia in collaborazione con Città dei Motori, la rete Anci dei 32 comuni italiani a vocazione motoristica. In programma talk, degustazioni, esposizioni dedicate alla buona tavola e ai marchi automobilistici e motociclistici come Ferrari, Lamborghini e Pagani, ai quali si aggiungerà l’esposizione di modelli provenienti dalla collezione privata di Mario Righini.

Raduneremo in un solo giorno le più importanti eccellenze della filiera agroalimentare e dei motori del nostro Paese – sottolinea Giovanni Gargano, sindaco di Castelfranco Emilia, del direttivo CdM – racchiuse in una location di infinita bellezza qual è appunto Villa Sorra, di proprietà di quattro Comuni (Castelfranco Emilia, Modena, Nonantola e San Cesario sul Panaro), mettendo i turisti nelle condizioni di fare idealmente il giro del mondo delle prelibatezze e dell’elite dei motori italiani. Questo evento, il primo di una serie, è anche un messaggio di ripartenza per il mondo produttivo e turistico in particolare, dopo i mesi peggiori della pandemia che abbiamo alle spalle, speriamo in maniera definitiva”.

L’iniziativa di Castelfranco – ha dichiarato Luigi Zironi, presidente di Città dei Motori e sindaco di Maranello – racchiude lo spirito che ha animato la Rete nei lunghi mesi di pausa forzata: abbiamo lavorato per sviluppare un Piano nazionale del turismo motoristico ambizioso e innovativo, costruito anche su nuove alleanze strette con partner di alto livello: Aci, Fmi, Borghi più Belli d’Italia, Asi. Accordi ai quali si aggiunge il dialogo con il Ministero del Turismo, Enit, Isnart, il mondo dell’ospitalità alberghiera, cioè gli attori di una rinascita turistica del Paese a cui puntiamo, e che guarda ai visitatori provenienti dall’estero. I turisti cercano un’esperienza nella quale possano fondersi più passioni in una sola ricetta, e con il Made in Italy possiamo raccontare la magia dei nostri territori a 360°, a partire dalle loro radici”.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close