Fino al 30 giugno ci si può iscrivere al IX Concorso Fotografico Bruno Boni promosso dall’ associazione bresciana che porta il nome dello storico sindaco della città lombarda, promotore nel dopoguerra della rinascita della 1000 Miglia di cui si disputa quest’anno – dal 16 al 19 giugno –  la trentanovesima edizione della rievocazione storica. Il tema dell’importante concorso, con varie sezioni e premi, che vede la partecipazione di centinaia di fotografi professionisti o semplici amatori, è focalizzato sull’impatto della “Corsa più bella del mondo tra la gente”.

Anche quest’anno l’Associazione Bruno Boni ha voluto coinvolgere il Museo Piero Taruffi di Bagnoregio (VT) intitolato al grande campione che disputò ben tredici edizioni della 1000 Miglia vincendo proprio l’ultima, quella del 1957, alla guida della Ferrari 335 S numero 535.

Flavio Verzaro direttore del Museo Taruffi con Franca Boni e Monica Barziza (figlia e nipote dello storico sindaco di Brescia, Bruno Boni)

E’ il terzo anno che facciamo parte del concorso ufficiale della corsa – ricorda Flavio Verzaro, direttore del museo – premiando con una coppa la miglior foto scattata lungo il percorso in territorio laziale. In più quest’anno gestiremo anche lo stand di Città dei Motori nel villaggio allestito a Viterbo dove è prevista la cena giovedì 17 giugno. Questa prestigiosa collaborazione consolida un legame nato quando, dopo aver conosciuto Franca Boni, la figlia dell’ex sindaco di Brescia, durante una 1000 Miglia, ho avuto il piacere di ospitarla in occasione dell’inaugurazione al Museo Taruffi della mostra fotografica itinerante dedicata al passaggio della corsa. Da qui è nata l’idea del premio e un bel rapporto, sempre più stretto, come testimonia anche un gesto significativo: l’invio al museo del biglietto di invito alla festa di premiazione della 1000 Miglia vinta da Taruffi nel 1957 firmata dal sindaco Boni. Ma il nostro legame vuole diventare ancora più saldo e stiamo lavorando per candidare Bagnoregio e farci passare l’edizione 2023“.

Monumento a Piero Taruffi voluto dall’Associazione e dal Museo a lui intitolato nel 1992.

Per le iscrizioni, gratuite, al concorso fotografico bisogna compilare un apposito modulo presente sul sito www.brunoboni.it poi dal 16 fino al 30 giugno caricare massimo 3 fotografie digitali in attesa di scoprire i vincitori che saranno premiati al Salone Vanvitelliano del Palazzo della Loggia di Brescia a settembre.

 

 

MM

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close