Grande soddisfazione per Sindaco e amministrazione comunale dopo la consegna all’Automoretrò di Torino del riconoscimento ASI di evento tra i migliori del 2016 al “Raduno di marche Italiane scomparse”, organizzato dal Museo dell’Auto di San Martino in Rio (RE), il più vecchio museo privato d’Italia, in occasione del suo 60° anniversario.

Tanti complimenti rivolti al “custode” dei gioielli del museo, Roberto Vellani, che rivendica con orgoglio:”la scelta culturale di andare a trovare e valorizzare, sapendo quanto sia difficile, marche nessuno più conosce. Abbiamo tantissime vetture uscite prima del 1940, anche perché essendo nato il museo nel 1956, le macchine che venivano custodite allora, erano state le prime a circolare”.

Fra i mezzi unici esposti nel Museo c’è la Zedel Laundalet del 1910 della Regina Margherita ma che ci sia la necessità di conservare e valorizzare vetture che hanno fatto la storia dell’automobile come Ansaldo, Itala, Scat, Diatto, Bianchi, Ceirano, Aquila Italiana, OM lo conferma lo stesso Vellani citando l’episodio di: “un visitatore che davanti a un radiatore di una isotta Fraschini con lo stemma IF mi ha chiesto che auto fosse la 1F. Per questo è importante essere collegati con un club ASI con quasi 1000 iscritti i cui contributi, insieme a quelli dei nostri soci, permettono di mantenere in vita il museo e organizzare visite guidate che trovano:”sempre più seguito anche presso il pubblico femminile,che apprezza la nostra storia dell’automobile senza troppi dettagli tecnici di gare,cilindrate e pistoni”.

Per ulteriori informazioni http://www.museodellauto.it/museo/index.php/it/

 

 

MM

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close