Nascerà al Mauto, il prossimo 10 novembre, il primo polo formativo specializzato nel restauro di vetture d’epoca. Arriva la nuova figura professionale del restauratore di auto classiche che studierà, grazie agli specialisti e all’accordo con la Fondazione Centro per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali La Venaria Reale, le tecniche usate per riportare veicoli, spesso vere e proprie opere d’arte, al loro antico splendore, partendo dal vasto patrimonio di 70 pezzi da collezione, custodito in ordine cronologico,nell’Open Garage all’interno del Mauto.

Un progetto che parte dalla ricerca sui materiali e dalla parte teorica sulle procedure costruttive applicate nelle diverse epoche per arrivare all’intervento pratico sulle vetture risalenti alla fase artigianale-preindustriale della produzione, dal 1856 agli anni ‘30. Al via anche la formazione del personale del museo, con l’obiettivo di ospitare in futuro un centro di Alta Formazione per restauratori di veicoli d’epoca.

Soddisfazione da parte del Presidente del Mauto Benedetto Camerana, per il quale: “si avvia un percorso istituzionale e formativo che risponde concretamente al quadro attuale, generato dalla crescita del valore dell’automobile d’epoca come testimonianza storica fondamentale per la conoscenza della cultura del Novecento”. E’ contento il direttore del museo, Rodolfo Gaffino Rossi: ”di aver coinvolto importanti partner, come ACI e molti altri, per fare di questo centro un polo di eccellenza a livello europeo”.

Già molte,infatti, le adesioni all’iniziativa da parte di privati come la design house Pininfarina, il Mario Levi group, azienda leader nella gestione dei processi produttivi della lavorazione delle pelli e l’Atelier Toppino di Piobesi d’Alba, officina e laboratorio mobile per la realizzazione di restauri storici, conservativi e filologici di carrozzerie.Al Mauto stanno inoltre lavorando per coinvolgere laboratori artigiani e aziende del territorio specializzate in settori specifici (dalla verniciatura alla lavorazione del legno o del ferro), con l’obiettivo di mettere a disposizione attrezzature e trasmettere professionalità e competenze.

 

MM

 

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close