“Abbiamo coinvolto il presidente del Consiglio Matteo Renzi, che in questi giorni si sta personalmente attivando con i vertici dell’azienda per arrivare a una soluzione positiva”. Lo ha affermato ieri sera il sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli, al termine del Consiglio comunale durante il quale, ancora una volta, si è tornati a discutere del futuro di Maserati. “Durante l’ultimo incontro di lunedì con la delegazione del Gruppo, abbiamo chiesto insieme alla Regione di giungere a una risposta positiva, che consenta al Tridente di restare a Modena con la produzione di almeno un modello Maserati, anche di nicchia (oltre che di un modello di Alfa), assicurando la nostra totale disponibilità per un accordo” ha aggiunto il sindaco. “Riteniamo fondamentale rafforzare la strategia Maserati a Modena, considerato che al 31 dicembre le nuove assunzioni sono state 535, per la grande maggioranza laureati di alto profilo” ha ricordato Muzzarelli. “Un numero destinato a crescere entro fine del 2016, portando la presenza complessiva di dipendenti Maserati in città a 1300, per la grandissima maggioranza a tempo indeterminato. Una presenza cospicua, che renderà più consistente anche la produzione di motori, arricchendo quindi la filiera produttiva territoriale, logistica compresa. Perché Modena, città parte dell’associazione Città dei Motori/Anci, è Maserati, e Maserati è Modena”.

Chiara Ingrosso

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close