All’interno della stazione metropolitana di Portello a Milano, un “Percorso della Memoria del Lavoro” racconterà ai viaggiatori una delle pagine più significative nella storia dell’industria automobilistica e della passione Alfa Romeo. Come segnalato dall’edizione milanese del quotidiano Avvenirem una mostra permanente di documenti storici, fotografie d’epoca, dipinti e sculture, sarà allestita per volere degli operai del Biscione, attuali ma soprattutto ex, quelli che negli stabilimenti di Portello hanno contribuito alla realizzazione di modelli indimenticabili come la Duetto e la Giulietta. Proprio qui, nella periferia nord-est milanese, dove oggi sorgono i nuovi edifici della città in espansione, nel 1910 iniziò la storia di uno dei marchi più prestigiosi del Made in Italy, che arrivò ad impiegare fino a 10 mila persone e proseguì fino al 1987,  quando le attività produttive furono trasferite nella vicina Arese.

Il progetto, già approvato dal Comune, è stato pensato e promosso da Camera del Lavoro di Milano, Gruppo Seniores e sindacato Spi-Cgil, Anpi, Fondazione 25 Aprile Alfa Romeo, Associazione culturale Ferdinando Valletti, Auser e Alfa Club, a cui si è aggiunta la collaborazione dei docenti e degli studenti dell’Accademia di Brera.

Chiara Ingrosso

 

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close