---

Il convegno “La sicurezza del turismo nell’era delle tecnologie”

Il 9 settembre Mandello del Lario, in provincia di Lecco, nella cornice del Motoraduno internazionale Città della Moto Guzzi, ha ospitato la seconda tappa dell’Innovatour, il road show ideato dall’Associazione Città dei Motori, sotto l’egida dell’ANCI e cofinanziato dal MiBACT. Tema centrale del secondo appuntamento è stata “La sicurezza del turismo nell’era delle tecnologie”, titolo del convegno aperto dal saluto del Sindaco di Mandello Riccardo Fasoli che ha voluto puntare subito l’attenzione sugli strumenti digitali per rilanciare il territorio, a partire dal Museo Moto Guzzi, cuore della storica fabbrica che ha visto nascere il mito dell’Aquila

I dati più significativi sui furti di identità e le truffe online ai danni di chi usa la rete anche per acquisti, viaggi, prenotazioni alberghiere sono stati illustrati da Salvatore La Barbera, dirigente della Polizia delle Comunicazioni per la Lombardia.

“Le attività a livello nazionale nei primi sette mesi del 2017 hanno prodotto oltre 33 mila monitoraggi del web, di cui 8.000 dedicati a phishing, furti di identità, malware, e-commerce e truffe online, nel cui ambito sono stati denunciati all'autorità giudiziaria circa 2.370 individui e ne sono stati arrestati 33. Per controllare e reprimere i crimini attuati sulla rete è importante il monitoraggio capillare del web che la Polizia di Stato attua con crescente attenzione attraverso gli specialisti della polizia delle comunicazioni. Uno degli obiettivi è rilevare le anomalie e sviluppare azioni di prevenzione e repressione delle frodi.

La Barbera inoltre ha sottolineato l'importanza del progetto OF2CEN, già attivo da oltre un biennio e con un indice di risultato superiore al 90%, che realizza la collaborazione tra polizia e sistema bancario per mettere in black list gli IBAN collettori di proventi illeciti delle frodi informatiche in danno di aziende e privati.

I luoghi fisici a rischio sicurezza, per quanto riguarda gli spostamenti turistici, sono soprattutto le stazioni ferroviarie, dove transitano ogni giorno 3,5 milioni di persone, e gli stessi treni che in Italia trasportano 1,5 milioni di passeggeri al giorno.  Barbara Caccia, Vice Questore in servizio alla Polizia Ferroviaria ha sottolineato come “negli ultimi anni a una crescente aspettativa di sicurezza da parte dei passeggeri ferroviari si sia risposto con un aumento dell’attività di prevenzione tramite vigilanza, una maggiore specializzazione degli agenti di polizia e l’adozione delle nuove tecnologie informatiche”.

---

I dati della Polizia di Stato

L’attività della Polfer ha comportato, tra l’altro, 134 mila servizi di vigilanza nelle stazioni, 30 mila servizi di pattuglia sui treni, 730 mila persone controllate, 900 arrestati, 6.500 indagati. Il risultato è stato un calo consistente dei reati ferroviari, in particolare una diminuzione del -27% di furti, -37% rapine, -9% danneggia menti ai treni, -5% aggressioni a passeggeri e personale FS.

Sulla sicurezza delle transazioni online per l’attività turistica ha insistito Cristiano Radaelli, referente per il digitale nel Gruppo Tecnico Europa di Confindustria, il quale ha messo in evidenza come per il valore economico complessivo generato, pari al 12% del pil, il settore turistico “richieda una attenzione prioritaria a tutti i livelli della società”, compresi i gestori delle reti di comunicazione: “L’Italia è quarta al mondo per numero di vittime da attacchi informatici, e data la sempre maggiore richiesta dei turisti di accedere a social e file dalle località turistiche è necessario che vengano messi in atto da parte dei gestori delle comunicazioni, in particolare quelle wifi, i più aggiornati strumenti per diminuire i rischi informatici e incrementare la sicurezza degli utenti”.

Tra i relatori del convegno Edo Colombo, esperto di tecnologie innovative per il turismo, ha dettagliatamente analizzato i dati presentati e le funzioni del Turismo 4.0 perchè “é importante capire come utilizzare gli strumenti digitali per dialogare e indirizzare i turisti in tempo reale, ma è anche indispensabile proteggere i loro dati personali e la presenza online di albergatori e Enti locali in termini di sicurezza contro gli hacker. L'uso dello smartphone è sempre più diffuso nei viaggiatori, oltre il 40% delle prenotazioni avviene già via mobile e la georeferenziazione abilita nuovi servizi mirati sempre più pervasivi. L'accesso alla rete è quindi costante e chi viaggia genera una quantità di dati molto interessante per chi ha obiettivi anche poco leciti. Anche i piccoli e medi esercizi, che detengono informazioni personali molto sensibili sono obiettivo di attacchi hacker, per il furto di identità e strumenti di pagamento. L'automazione IOT come per esempio negli ascensori connessi o nelle chiavi di accesso alle stanze e la gestione impianti, oltre a beacon e domotica e videosorveglianza, presentano ulteriori punti di debolezza. Anche l'elettronica delle connected car apre scenari di possibili interventi malevoli, mentre il dibattito sulle self drive car rivelerà criticità perfino di ordine morale sugli indirizzi da dare al veicolo in caso di possibile incidente”

Per Fabio Dadati consigliere di Federalberghi Lecco “i dati sul turismo in Lombardia sono positivi ma ci vuole un’agenza del turismo che permetta di reggere la competizione tra territori e promuoverli tutti al meglio (in particolare per sostenere il brand Lago di Como) altrimenti si rimane indietro e luoghi belli ma poco conosciuti o meno conosciuti di altri rischiano di rimanere fuori dai circuiti del turismo”.

All’incontro ha partecipato anche Antonio Rossi, campione olimpionico e Assessore allo Sport e Politiche per i giovani della Regione Lombardia.

---

Il segretario generale di Città dei Motori Danilo Moriero ha ribadito il ruolo delle tecnologie informatiche per promuovere il turismo nelle città dei motori, ricordando le applicazioni costruite da Città dei Motori e scaricabili gratuitamente su smartphone e tablet: l’App ‘Città dei Motori’ che fornisce informazioni online sull’offerta turistica dei territori legati al Made in Italy motoristico; il ‘Motorwebmuseum.it’, il primo museo virtuale dedicato al patrimonio motoristico italiano con una galleria di contenuti digitali fruibili online; infine, le applicazioni basate sulla ‘Realtà Aumentata’ consentono di vivere in modo virtuale ma in prima persona una corsa su una pista da F1, o di entrare nella fabbrica e nel museo della Guzzi e di altre marche famose che fanno parte dell’eccellenza industriale e sportiva italiana.

 

 

Le applicazioni digitali delle Città dei Motori

Le applicazioni digitali di Città dei Motori sono stati al centro di una dimostrazione visiva all’interno del truck che ha stazionato per tutta la giornata al parcheggio Moto Guzzi a Mandello del Lario.

---

Il Pullman Azzurro della Polizia di Stato

Anche la Polizia Stradale, partner di Innovatour, è stata presente all’appuntamento di Mandello del Lario con il Pullman Azzurro, allestito come un’aula scolastica multimediale itinerante dedicata alla sicurezza stradale.

---

La prossima tappa di Innovatour

L' ultima tappa di Innovatour sarà il 16 settembre ad Arese, sede storica dell' Alfa Romeo e dove il tracciato dell'ex pista di collaudo delle auto del Biscione ospita oggi uno degli impianti principali in Italia dedicati all' educazione stradale, che sarà il tema della giornata.

---
---

Su www.cittamotori.it trovi tutti gli aggiornamenti su eventi, manifestazioni e iniziative dei Comuni italiani, che hanno nei loro territori una vocazione motoristica, a livello di produzione (automotive, moto e scooter, aerospazio, cantieristica navale), sportiva (circuiti e rievocazioni storiche) o culturale (musei, collezioni, archivi).

English Version