Una due giorni in moto (4/5 settembre) seguendo un percorso di oltre 500 km, tra andata e ritorno, sulle suggestive strade dell’Appennino tosco-emiliano, che ha unito due “città dei motori” e due luoghi simbolo della passione motoristica: Maranello e Scarperia San Piero.

A salutare la partenza dei centauri di fronte al Museo Ferrari, insieme agli organizzatori del Motoclub Maranello, il sindaco e presidente di Città dei Motori Luigi Zironi perchè “Il mototurismo è un settore in fortissima crescita ed eventi come questo, che consentono di unire la passione per le due ruote con un turismo slow alla scoperta del nostro Paese, sono una bella realtà che va assolutamente sostenuta”.

E’ stato invece l’assessore Marco Recati ad accogliere all’ingresso dell’Autodromo Internazionale del Mugello i centauri su moto enduro-stradali che, tra strade asfaltate e strade bianche, piccoli borghi nascosti tra pianura, collina e montagna, hanno potuto apprezzare un territorio ricco di storia, natura e bellezza. “E’ stato un piacere – ha detto Recati – e l’idea di unire, attraverso l’esperienza ‘on the road’, Maranello con Scarperia e San Piero, entrambi soci della rete Anci del made in Italy motoristico, la trovo veramente interessante: siamo già d’accordo per lavorare ad una nuova iniziativa per il 2022”.

Soddisfatti anche gli organizzatori per la riuscita di “un evento inserito nel calendario della Federazione Italiana, molto apprezzato da chi vi ha preso parte e che rappresenta un punto di partenza per proporre iniziative più strutturate già nei prossimi mesi”.

 

 

MM

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close