Il 21 e 22 settembre Modena ospiterà la settima edizione della Motor Gallery, uno degli eventi più importanti d’Italia per gli appassionati del motorismo storico che quest’anno propone un format che vuole coinvolgere anche chi è interessato a mezzi e progetti per la mobilità del futuro.

Saranno 360 gli espositori, 900 le auto, le moto, i club e i registri storici con la presenza dei Musei Ferrari di Modena e Maranello, le collezioni private di Righini, Stanguellini, Panini e del Museo Pagani. Tre le mostre evento: “De Tomaso in Galleria” con cinque pezzi unici che ripercorrono storia e produzione del marchio fondato sessant’anni fa, “1950/90 – 40 anni di stile italiano, tra le due e le quattro ruote” che, grazie alle Lamborghini 350/400 GT e Miura P400, la Bugatti EB 110, le Ducati Elite 200 e Scrambler in mostra, ripercorre quarant’anni di evoluzioni meccaniche e stilistiche nel settore motoristico. Infine “Futura” l’esposizione sul futuro della mobilità, del design e dell’innovazione tecnologica tra auto a sei ruote, hypercar, scooter estremi e prototipi elettrici ed elettro-solari.

In passerella le mitiche auto da rally come Lancia 037, Delta integrale, Fulvia 1.6 HF, Strators, Renault R5 Turbo, Ford Sierra Cosworth, Opel Kadett GTE, i 92 esemplari del secondo raduno Autobianchi A112 e, per la prima volta, alcune tra le più famose hot road americane.

Come sempre Modena Motor Gallery riserva grande attenzione e spazio ai più autorevoli artigiani e restauratori che fanno della Motor Valley dell’Emilia Romagna il luogo più famoso al mondo per i motori e l’alta qualità di meccanici, ingegneri, battilastra e carrozzai.

MM

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close