Dal 20 al 22 settembre Il mondo dell’automobilismo storico internazionale si ritroverà a Mantova, città da cui si parte e si arriva, per la 29° edizione del Gran Premio Nuvolari.

Tra le novità un percorso in gran parte rinnovato, che permetterà ai concorrenti alla guida delle loro vetture fabbricate dal 1919 al 1972 munite di passaporto F.I.V.A. o fiche F.I.A. Heritage o omologazione A.S.I. o fiche ACI Sport /ACI Storico o appartenenti ad un Registro di Marca, di percorrere le strade panoramiche del Lago del Garda e delle montagne del Baldo oltre le consuete bellezze di Emilia Romagna, Marche, Toscana, Umbria.

Un itinerario che prevede nella prima giornata di gara il passaggio in due città dei motori: Villafranca di Verona dove il tracciato prevede una verifica presso il Museo Nicolis (Museum of the year 2018 per la giuria di The Historic Motoring Awards) e Castel D’Ario, città natale di Tazio Nuvolari, sulla strada che porterà all’arrivo di Bologna.

Sabato le vetture in gara attraverseranno il centro Italia: dai passi appenninici Raticosa e Futa a Piazza del Campo a Siena e Piazza Grande ad Arezzo, dalle strade famose come il Viamaggio fino al traguardo di piazza Tre Martiri a Rimini.

L’ultimo giorno della manifestazione, dopo Meldola e Faenza (ospiti della Scuderia Toro Rosso) i piloti si sfideranno in un’avvincente serie di prove cronometrate, determinanti per la classifica finale, sulla pista dell’Autodromo di Imola prima di dirigersi verso Ferrara e rientrare a Mantova in Piazza Sordello, sullo sfondo di Palazzo Ducale, alla fine di un percorso di 1000 km tra le bellezze d’Italia, connubio di storia, passione, tradizione ed esclusiva ospitalità.

 

MM

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close