Un viaggio nella storia di Enzo Ferrari e delle sue famose auto. E uno tra le eccellenze della terra dei motori e del gusto. 

Il primo è possibile grazie alla Musei Ferrari Experience che proseguirà fino al 2019 tra Modena e Maranello. Nel Museo Enzo Ferrari a Modena è stata allestita la mostra fotografica con immagini che ritraggono il fondatore della casa automobilistica in varie fasi della sua vita: dall’infanzia all’età adulta, dalla carriera di pilota a quella di manager e costruttore accanto a campioni indimenticabili dell’automobilismo da Nuvolari a Villeneuve mentre fino al 18 febbraio 2019 la mostra intitolata Il Rosso & il Rosa, riunisce i modelli Ferrari più belli e rappresentativi guidate in ogni epoca da pilote, imprenditrici e soprattutto dagli anni ’50 da cantanti e dive del grande schermo per le quali le auto del Drake rappresentavano un simbolo glam.

Spostandosi a Maranello, al Museo Ferrari si possono visitare fino al prossimo maggio Driven by Enzo e Passion and Legend. Nella prima esposizione si trovano i modelli guidati personalmente da Enzo Ferrari che, nei tragitti giornalieri, preferiva le sue quattro posti per via della perfetta combinazione di comfort e sportività come la 250 GT 2+2 del 1960, la 400 GTi, la 412 o la 456 GT. Passion and Legend è invece il racconto di Enzo Ferrari e della sua azienda ripercorso attraverso immagini e le più belle vetture dei 70 anni di storia del Cavallino tra cui icone come la 166 Inter del 1948, la 250 GT Berlinetta “Tdf” del 1956 e la Dino 246, supercar come la F12tdf in serie speciale limitata e la 812 Superfast, la vettura stradale di serie più prestazionale della casa di Maranello.

Infine per coloro che vogliono abbinare le eccellenze della terra dei motori a quelle del gusto, con l’acquisto del passaporto Discover Ferrari & Pavarotti Land si ha diritto all’ingresso ai Musei Ferrari di Maranello e Modena, alla Casa Museo di Luciano Pavarotti e alle visite guidate presso il MuSa Museo della Salumeria, l’Acetaia Giusti produttrice di Balsamico Tradizionale, alle antiche cantine che producono il Lambrusco e al Museo del Vino.

 

MM

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close