Due installazioni ispirate al marchio del Toro per valorizzare gli accessi  a Sant’Agata Bolognese, sede della Lamborghini, sono state svelate alla presenza del Sindaco Giuseppe Vicinelli e di Stefano Domenicali, Chairman e Chief Executive Officer di Automobili Lamborghini.Le opere sono state realizzate da due studi di design italiani, vincitori del “Lamborghini Road Monument”, il concorso internazionale di architettura lanciato a settembre dell’anno scorso dalla casa automobilistica in collaborazione con YAC (Young Architects Competitions).

L’installazione della rotatoria Miura, all’ingresso di Sant’Agata Bolognese in direzione Modena, è stata progettata dal team ACQ Studio di Livorno. Si tratta di un’opera dalle linee tese, minimali e taglienti, quali citazioni del linguaggio stilistico delle vetture Lamborghini, fatto di superfici geometriche e intersezioni. L’installazione si inserisce nel terreno per poi svilupparsi in altezza con forme dorate stilizzate e piegate, a richiamo dello stile Lamborghini.

L’opera della rotatoria San Cristoforo, situata all’ingresso della città in direzione Bologna, nasce dal progetto del team “0.9” con un chiaro omaggio all’idea di velocità ibernata e al dinamismo, attraverso la riproduzione in sezioni della silhouette di una supersportiva Lamborghini. La visione dell’opera nel suo complesso differisce a seconda dell’angolo di osservazione, così come accade nella visione di una Lamborghini in corsa ad alta velocità. Le sezioni metalliche accentuano l’effetto dinamico e mutevole della scultura.

 

MM

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close