Fino al 25 ottobre presso la Casa Museo Sartori di Castel D’Ario, Mantova, sarà possibile ammirare la mostra “Artisti per Nuvolari”, il mito di Tazio Nuvolari nello sguardo, nel pennello e nelle mani di 58 artisti. La terza edizione della rassegna, nata da un’idea di Adalberto Sartori, rinnova l’identità e l’immagine del grande pilota italiano attraverso l’interpretazione di pittori e scultori, accuratamente selezionati da Arianna Sartori. “Un evento che accresce la sua importanza e richiama sempre maggior interesse, non solo negli appassionati di motorismo ma anche nella critica”, afferma la curatrice. “Quest’anno abbiamo optato per un panorama di artisti vario e diversificato, non solo italiano. Ciascuno è stato invitato – prosegue Sartori – ad addentrarsi nella storia del personaggio e ad interpretarla secondo la propria prospettiva stilistica”. Non solo ritratti del volto del celebre “Mantovano volante”, rimasto icona futuristica della velocità, ma anche raffigurazioni di momenti e vetture di gara e della celebre tartaruga che Nuvolari ricevette in regalo da Gabriele D’Annunzio e che diventò suo simbolo e amuleto. “Tazio vive nella memoria di Castel D’Ario, suo paese natale” spiega Arianna Sartori. “E’ questo il luogo della sua prima vera partenza, una storia che lo ha portato a diventare un modello imperituro di campione nazionale, amato da tutto il pubblico. Lo confermano le immagini indelebili in piazza Sordello a Mantova gremita come mai nel giorno del suo funerale, l’11 agosto del 1953”. Al termine della mostra, le opere resteranno a far parte della collezione permanete di Casa Museo Sartori.

di Chiara Ingrosso

 

 

 

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close