Ecco i punti salienti dell’Assemblea straordinaria svoltasi mercoledì scorso a Roma

ROMA – Ratifica dell’ingresso del comune di Verrone nell’Associazione, il venticinquesimo comune socio di Cdm, sottoscrizione protocollo con Fmi, approvazione delle modifiche allo statuto, impegno dell’Associazione per Expo 2015 con una serie di tappe legate al tema “velocità e lentezza” e approfondimento per un possibile accordo con Fidal, la federazione di atletica leggera.

Sono stati questi i principali punti di discussione dell’Assemblea straordinaria di Città dei Motori, svoltasi mercoledì scorso nella sede Anci di Roma.

Si allarga dunque la famiglia Cdm, con l’ingresso di Verrone nell’Associazione, fortemente voluto dal sindaco Cinzia Bossi. Verrone, comune della provincia di Biella, ospita dal 1974 un importante stabilimento Fiat.

Importante l’accordo stipulato da Città dei Motori con Fmi, che prevede, tra le altre, le attività di formazione e informazione sulla sicurezza stradale rivolte alle scuole e le azioni di promozione e valorizzazione del territorio attraverso il ‘mototurismo’.

L’Assemblea ha, inoltre, un nuovo segretario generale, Danilo Moriero, già capo della segreteria tecnica e un presidente onorario, Lucia Bursi, già sindaco di Maranello. Le nomine sono state possibile grazie all’assenso che l’Assemblea ha fornito ad importanti modifiche statutarie che hanno introdotto per l’appunto le figure del presidente onorario, del segretario generale e dei delegati per materia al posto delle commissioni.

Molto importante l’impegno che Città dei Motori ha preso in vista di Expo 2015: l’Associazione realizzerà una serie di iniziative territoriali originali da inserire nel più ampio calendario del progetto “Anci per Expo 2015”. Si tratta di coniugare le ‘tipicità’ motoristiche della Rete con le produzioni di eccellenza agroalimentari dei rispettivi territori. In particolare, il tema caratterizzante sarà “Velocità e lentezza”, ovvero dinamicità e innovazione (rappresentati dai motori) uniti alla tradizione secolare dei prodotti italiani, i quali divengono eccellenze grazie appunto a processi “lenti” quali invecchiamento, maturazione, stagionatura e così via.

Chiara Ingrosso

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close